Il cuore quando duole
è una fiamma che si consuma
e si rigenera –

persino in una stanza
privata dell’aria.

Ogni battito è trattenuto
in un reticolo di patimenti
– ossessioni terrestri –

riemersi alla superficie
sanguinante le nostre menti.

Cerchi concentrici –
fragili, eterni –

che fungono da sbarre
per l’anima ingabbiata dai ricordi.

E’ la memoria dei vivi
che va disfacendosi come cera,
al triste suono di una cantilena.

E la luce tremula di una candela
che rischiara il mistero della morte
e di ogni nostra preghiera.

Nella foto: “Le due Frida” di Frida Kahlo

Il cuore quando duole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *